5.2.07

 

Nunzio Festa. E una e una 

[poesia -23]


Alla gente/ di questo immondo mondo/ sperando/ che il tocco non sia vano
(Nunzio Festa)


E una e una

Quanto inutili fuochi di
artificio

E una e una
la foglia crollata mi imbroglia
prima della soglia
in disparte germoglia

e una e una
sulle macchie risorte
per il fuoco contorte
senza morte
purtroppo ridotte

e una e una
un sorriso rinato
su un prato in velluto
astuto
nel mare posato

e una e una
nella memoria indecente
la lotta insistente
non sente
l'ostacolo mente

e una e una
sale un magro odore
un libro scollato
un fiore raccolto

per ore e ore
scalpellano la fuga

e la inducono all'errore.


Gocce di fiori

Tre scalini squallidi
il respiro degli alberi
sei gocce di miele
e il resto è sentire

è sentire
la tosse dei fiori
un bagno di segni
sul ciglio
dei sapori

è sentire
leggero l'autunno
che pietoso
trascina
il piccolo affanno

è sentire
negli occhi e nella mente
due lagrime spente
sorridere tanto

È sentire

Che il dolore e l'odore
secchino al sole.



Il verso della pace

Il Verso della Pace
è un verso a rima baciata,
perché l'odore dei poveri
è la speranza dei liberi

Il Verso della Pace
è un verso a rima alternata,
perché dal fango e dalla pece
nasce una gioia riconquistata

Il Verso della Pace
è un verso a rima incrociata,
perché il vento che c'è l'ha donata
ha una forza stranamente creatrice

Il Verso della Pace
è un verso libero, perché,
chi libertà vuole, Pace
invoca.


versi tratti da "E una e una" di Nunzio Festa
Collana I gigli (poesia)
Montedit, 2004

NUNZIO FESTA è nato nel 1981 a Matera, ha cominciato a scrivere giovanissimo e nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge "E una e una". E' un verso che ha un andamento melodico e giocoso quello di Nunzio Festa, sostenuto dal piacere combinatorio delle parole e da una ricerca sillabica di rime interne e imperfette, di suoni allitterati che ne addolciscono il senso, frenandolo dal rischio di soluzioni banali, banalizzanti o troppo facili. Il gioco della rima è uno strumento che Nunzio Festa usa in maniera interessante e intelligente, che scansa la retorica con leggerezza ed ironia e gli consente di rielaborare, inventare e costruire musica e passioni, versi di pace, rumori di vita, sogni di galera, nuovi fiori spuntati da una gaia povertà.
by Maria Pina Ciancio

Etichette: ,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile