9.8.07

 

Assunta Finiguerra. Scurije 

[poesia -37]

Chi nasce già segnate da u destine
adda avé a che ffà sembe cu turmiende
da sole adda affrunduà tembeste e viénde
e ssope o cuarre i vinde fenì abbuole

Amelje e Anne, Marine e Ssilvje
quanne venghe preparateme nu liétte
nde pozze dorme tranguille e aspette
u juorne d'u giudizzje aunite a vvuje

da te Silvje surella mia de gògne
na chicchere m'è dà de latte càvede
e zzucchere de canne a cumeglià re ffalde
d'u spìrete ribbelle e crocia noste

Amelje Amelje febbrare curte e amare
grane de luglje t'ha favuciuate decise
apprùndeme na mande de narcise
e nu decotte de màleve p'a tosse

A tti Anne suduarje de re nnéglje
n'appse aggia cercà e nu quaderne
nde ije scrive ca u puassagge a l'Inferne
è cume chennòce sale cu nu mutidde

Figlje de mamma Russje, tu Marine
cirche pe mé a re stelle nu cuanneliére
e ndò squarce ormaje raspende d'u core
arde si ng'è angòre n'eche de vite

Chi nasce già segnata dal destino / sempre avrà a che fare con il tormento / da sola affronterà tempeste e venti / e sul carro dei vinti finirà il volo // Amelia e Anna, Marina e Sylvia / quando verrò preparatemi un letto / dove possa dormir tranquilla e aspetto / il giorno del giudizio insieme a voi // Da te Sylvia sorella mia di gogna / una chicchera vorrò di latte caldo / zucchero di canna a coprir le falde / dello spirito ribelle nostra croce // Amelia Amelia febbraro corto e amaro / grano di luglio ti falciò deciso / approntami una corte di narcisi / e un decotto di malva per la tosse // A te Anna sudario delle nebbie / un lapis chiederò e un quaderno / dov'io scriva che il passaggio all'Inferno / è come ingoiar sale con l'imbuto // Figlia di madre Russia, tu Marina / chiedi per me alle stelle un candelabro / e nello squarcio del cuore ormai scabro / brucia se c'è ancora eco di vita.

versi tratti da "Scurije" di Assunta Finiguerra
Ed. Lietocolle, 2005
ASSUNTA FINIGUERRA (nata a San Fele in provincia di Potenza, vive a Roma). E’ una poesia in dialetto lucano, dalla comunicabilità diretta e immediata quella di Scurije, legata al parlato, al respiro, alla cadenza della musica, al linguaggio della visione e del mito. Pulsa nelle vene e nelle tempie con l’ardore del fuoco sotto la cenere (“il fuoco dell’Inferno”), soffia e sbatte dentro l’otre scuro e cavo del petto, talvolta con ferocia corale, talvolta monocorde. Senza pudore, graffiando e scalfendo labirinti di solitudine, strappando fuori i demoni che la abitano. Contaminando. Identificando. Evocando. Plath, Cvetaeva, Achmatova, Rosselli “Amelia e Anna, Marina e Sylvia / quando verrò preparatemi un letto / che possa dormire tranquilla”.
Una poesia lavica, coraggiosa e forte “una estrema dichiarazione di vita alle porte della morte” –dichiara la poetessa di San Fele – “conforto al mio cuore in guerra per non avergli saputo dare il mondo”.

by Maria Pina Ciancio
8 Articolo correlato: La parola come lavacro di purificazione in LucaniArt Sguardi

Etichette: ,

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Segualazione:
18 Agosto – ore 21.00 - Atrio Palazzo Fortunato di Rionero in Vulture (PZ)

Riscontri poetici.
Performance poetica con Assunta Finiguera (Solije - Zone Editrice)
Domenico Brancale (L’ossasio del sole- Firenze, Passigli)
(Introduce Sandra Bianco)

14/8/07 10:31  
Anonymous facebook emoticon said...

:)

3/11/11 13:48  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile