20.11.07

 

Albino Pierro. Si pó' nu jurne 

[poesia -40]

"Tegne nu dulore ca nun mi làssete / com'a lu core i zanne di nu lupe"

Nda st'alligrizze

E mi vròscete ‘a uìje di ci murì
nda st’alligrizze.
Po’, com’a chi nd’u sonne si cattùgghiete,
cante:

“Ah si ni putéra lassè
pittate supr’ ‘a facce ma cchisèmpe
u ‘ampe di na rise
a stu munne ca chiàngete
nun sacce si nd’i scaffe
o nd’i carizze”

In questa allegrezza // E mi brucia la voglia di morirci/ in questa allegrezza. /Poi, come chi nel sonno si solletica,/ canto// “Ah se glielo potessi lasciare/ dipinto sulla faccia ma per sempre/ il lampo di un sorriso/ a questo mondo che piange/ non so se tra gli schiaffi/ o le carezze”.
(p. 75)

*

Ti spàrtete u ‘ampe

Cchiù la sentese nfunne
‘a uìje di i’èsse bbòne
cchiù ti spàrtete u ‘ampe.

E si’ terra vruscète
e si’ nd’u verne
nda tanta partajalle
ca duce pó’ nd’i frunne ci s’arrànzene,
si lle vàsete u sóue,
cchi lle fè d’óore u campe.

Ti spacca il lampo // Più nel profondo la senti/ la voglia d’essere buono/ più il lampo ti spacca.// E sei terra bruciata/ e sei nell’inverno/ tra tante arance/ che lievi tra le foglie poi s’affacciano,/ se le bacia il sole,/ per farlo d’oro il campo.
(p. 76)

*

Carcirète

Pure si vire u sóue
o ll’ate cose cchù belle,
si ci ni su;
pure si mi ci appende
ma cc’u pinzare a na stella
can un c’è cchiù,
ié mi sente sempe nu carcirète
can un pó gghiì cchiù allè
di na nfirrìete

Carcerato // Anche se vedo il sole/ o le altre cose più belle, / se ce ne sono; / anche se mi ci appendo/ ma col pensiero a una stella/ che non c’è più, / io mi sento sempre un carcerato/ che non può andare più in là/ di un’inferriata.
(p. 79)

da "Nu Jurne" di Albino Pierro
Poesie in dialetto lucano di Tursi
Gruppo Editoriale Forma, Torino 1983
(disegno di Rocco Grieco)

ALBINO PIERRO (Tursi, 1916-1995) Sti mascre è una silloge di 23 componimenti poetici che fa parte insieme ai Poemetti e a Si pó' nu Jurno, di un unico volumetto antologico, con un'originale intoduzione dal taglio di intervista/conversazione di Tullio De Mauro, che quando uscì da casa del poeta, con un fascio di appunti, qualche lettera e una registrazione informale, disse: "Riuscirò a mettere nero su bianco quello che Albino ha detto, a restituire alla scrittura la sua voce calda e grave, la pensosa voce meridionale di Albino?" E ci riuscì bene il professor De Mauro, così come riuscì il poeta tursitano a restituirci la forza, la debolezza e le contraddizioni di questa terra di Lucania selvaggia, misteriosa e arcaica. Ritornano nelle poesie di Si mascre i temi cari a Pierro, quelli che hanno fatto di lui un punto di riferimento importante della poesia contemporanea in Italia e all'estero. Sono versi che vivono di un'atmosfera magica e tragica al tempo stesso, sospesi tra realtà e sogno, attraversati dal filo rosso dell'amore, dell'infanzia perduta, della lontananza e del ricordo, tagliati in due da quel dolore esistenziale "urlante" che da sempre accompagna e lacera la vita dell'uomo devoto alla verità del segno e alla parola "Tegne nu dulore ca nun mi làssete / com'a lu core i zanne di nu lupe".

by Maria Pina Ciancio

Etichette: ,

4 Comments:

Blogger Maria Pina Ciancio said...

RISORSE IN RETE
Vi segnalo uno spazio di approfondimento antologico e bibliografico su Albino Pierro all'indirizzo:
http://www.giuseppecirigliano.it/indexpierro.html

NOTIZIA
L'Archivio Albino Pierro si trova a Rende(CS), Università della Calabria - Dipartimento di Filologia ed è costituito 577 unità librarie ed archivistiche (buste, volumi, contenitori, album, cofanetti) di scritti editi ed inediti, di corrispondenza, di rassegna stampa, di fotografie, di audio cassette e dischi dal 1940 al 1991, è frutto della sua ricerca poetica e della fitta rete di relazioni intrattenute per tutto il corso della sua vita con personaggi di primaria importanza nel panorama culturale dell'epoca.

20/11/07 18:45  
Anonymous biancamadeccia said...

E' un poeta straordinario, uno dei miei più amati.
L'intensità, la cadenza data dal linguaggio che per certi versi ho ritrovato anche in Assunta Finiguerra, le immagini scarne, petrose eppure ricchissime. Un caro saluto a te Mapi e complimenti anche per questo blog molto bello, denso e raffinato. Bianca

13/12/07 23:10  
Blogger LucaniArt said...

Bianca, grazie del passaggio, non sai quanto mi faccia piacere questa condivisione della poesia di Albino e Assunta. Versi "petrosi" sì, ma di grande sobrietà espressiva e dalle verità trasparenti, sempre.
Un abbraccio Mapi

13/12/07 23:58  
Anonymous facebook emoticon said...

:)

3/11/11 13:47  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile