11.3.07

 

Raffaele Nigro. Falene 

[poesie - 26]











M
’appaurene ste facce de cera
e st’ucchie ‘mbitt li marm;
me vote e me fazz nu pìzzeche
pe li sulc assupate d’ucchie.
Acchessì vi sete priparate
a cantarm u tedeum,
cu l’ucchie sturt
e la cera ca me fece appaura’,
come s’avess fatti e u dann
d crià la litanie
d lu sunn?
Ah come m’abbuisce na merl
Ind a sti sulc e sti cere,
come m port u iurn e la frescura
d’u uind e d l’aria a la matena.Facete pace, non so ie
curu galiota ca pensate.
Faceme pace
o cge faragge steso ind u tavìute
la nott d la cacazz
a guardarv ca vi sete sfatt
a guradarm ca me sfazz
chiane chiane?

Mi fanno paura queste facce di cera/ e questi occhi sui marmi;/ mi giro e mi faccio un pizzico/ per solchi assiepati di occhi./ Così mi aspettate?/ Così vi siete preparati/ a cantarmi il Tedeum/ con gli occhi storti/ e la cera che mi incute terrore, / come se avessi commesso io l’errore/ di creare la litania/ del sonno?/ Ah come mi fa risorgere una merla/ tra questi solchi e queste cere, /come mi porta il giorno e la frescura/ del vento e dell’aria alla mattina./ Facciamo pace, non sono io/ quel galeotto che pensate./ Facciamo pace/ o che farò steso nella bara,/ la notte della paura,/ a guardarvi, voi che vi siete sfatti/ a guardarmi mentre mi sfaccio/ piano piano?
(pag. 9)

***

Quann haveia venn u vosc a l’Inzite
la nott non durmei.
P quatt sold vinnei attaneme,
vinnei la casa ndo s’accuglievn
l’angile d la bona nova.
P fa fuchee fiamm condr lu cile
P’appiccià lu sunn d r cose passate.Pure la veta mei passava,
vnei da na part e m priparai a scì a n’aute,
ern li spird vnìute da u Gargane
li pezzind c’avevn fatt u Pìscele, Chiuchiare,
Valleverd e ca restavn sopa la terr
P nu cicine, na quartana, nu curtidd arruzzinìute.

Passavn tutt, cone nu uind
e s priparavn a part p quer'Amereche
ca mang Colomb sapei si ng'era
dopp l'Amereche.
[...]

Quando dovevo vendere il bosco dell’Insito,/ la notte non dormivo./ Per quattro soldi vendevo mio padre,/ vendevo la casa dove tornavano di notte/ gli angeli della buona nuova./ Per fare fuochi e fiamme contro il cielo,/ per accendere il sonno delle cose passate./ Anche la mia vita passava,/ venivo da una parte e mi preparavo ad andare verso un’altra, /erano gli spiriti venuti dal Gargano,/ i pezzenti che avevano costruito il Pisciolo, Chiuchiari,/ Valleverde e che restavano sulla terra/ grazie a un orcio, a una quartana, a un coltello arrugginito./ Passavano tutti come un vento,/ si preparavano a partire per quell'America/ che neppure Colombo sapeva se ci fosse/ oltre l'America [...] (pag.14 )

versi tratti da “Falene” di Raffaele Nigro
Nino Aragno Editore, Torino 2005


RAFFAELE NIGRO (nato a Melfi nel 1947 vive a Bari dove è caporedattore alla RAI). Fanno parte della collana “Licenze poetiche” le Falene di Raffale Nigro, una silloge in lingua lucana che ha il merito di svelarci l’altra faccia di un romanziere, l’anima nascosta, le sfumature interiori e le zone d’ombra, quelle più recondite e intime di uno scrittore che fin dagli anni settanta ha fatto della narrativa il suo cavallo di battaglia. Sono versi "notturni" che Nigro sigilla sotto il simbolo ambiguo delle “falene”, insetti che hanno abitudini generalmente notturne e che come tutte le sfingi evocano al crepuscolo presenze inquiete e talvolta sinistre. E questo libro è fatto di presenze e di assenze che si affollano e prorompono dalla pagina bianca, evocandoci storie, fatti, memorie. Presente e passato che si annodano, senso del disfacimento e della morte, ma anche affetti ancora intatti, e il sentimento che vince su tutto “non c’è bisogno di acqua/ cresce da solo il sentimento quando la radice/ è profonda”.
by Maria Pina Ciancio
8Articoli correlati Le Falene poetiche di Nigro nel segno di De Martino in LucaniArt Sguardi

Etichette: ,

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Che bel post, Maria Pina, davvero una chicca! Non sapevo del Nigro dialettale: evidentemente, col passare degli anni, è una malattia che ci prende tutti. Una lietissima sorpresa, e vedrò di procurarmi il libro.
Comunque Raffaele credo che nasca come poeta (per poi dedicarsi soprattutto alla narrativa). Le sue prime cose, appunto poesie, credo di averle lette, se ricordo bene, una ventina di anni fa su alcune antologie del Laboratorio delle Arti di Milano (curate da Domenico Cara).
Ho sempre sperato di incontrarlo da qualche parte, Raffaele, ma finora mi è andata buca.
Un caro saluto,
Gennaro

12/3/07 00:02  
Blogger LucaniArt said...

Io credo che non sia difficile incontrarlo. Nigro accompaga molto il "viaggio" dei suoi libri tra i lettori. Io l'ho conosciuto alla presentazione del romanzo Malvarosa alla libreria Guida di Francavilla sul Sinni un paio d'anni fa.
Le poesie che ho inserito sono una bellezza mozzafiato, soprattutto quelle della sezione dedicata agli affetti familiari. Sicuramente da leggere e da rileggere.
Che dirti Gennaro. Grazie. I tuoi commenti sono sempre preziosi e davvero tanto graditi. Mapi

12/3/07 00:21  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile